18 giugno 2018

534/223a s. 378/212 in dialetto

La Furlanela

Da tanti ani, ma no da sempre, sufia
sul Cazzettin el ventesl che monta
dae mone de quea che or rufia-
na i verdi, ora ghe d na onta

ai neri che no se sa se a scufia 
de lecacul lepie chi che a ne conta 
o a: el bocia fiol de quel che sbufia 
 trov in sor na letera sconta

ed eco che a contrneo pensa a,
la degna comare, la Furlana,
mentre pal pare parla el Ciribin:

li par venti che spira dal Terstin
e inveze li  la scoreża ba 
che se move e spira dal intestin.