3 luglio 2013


494/210 in dialetto 
Da un dialetto allaltro: Dariol traduce Baldini 

Contentarse

Mi trentani che caghe come un reòjo, sarà che porte senpre a panziera e istà e inverno e mudande longhe, anca parch a note deve alzarme tre-quatro volte par ndar far un jozz de acqua. Sul magnar stae tento e po no ghe tegne. Un brodet, un fià de vedel e do spinaci, un cuciaro de strachìn, ma apunto un cit, mezza pera, un grissin, un bicièr de acqua, e son a posto. El porzèl me fa schifo, ani e ani che no magne un ciciuìt, col prosciutto no ghe dae zo, vin ghe ne beve do di inte lacqua parch el me fa vegner acidità, de pesse, sogliole, triglie, caeamaretti no ghe ne fae gnente, e tajadèe me assa un grop. E po a tuta roba che riscalda massa, e mi, co rispeto, se no stae atento, zà che ho e moròidi, e me singrossa e e me deventa patate, e, dise a verità, no ho pì voja mi de ndar soto i fèri, ghe nho vù bastanza, ghe son zà stat do volte, prima el fegato, che no ghinpode pì, jera dee noti, quando ghe ciapa el mat, che me rampeghe su pa i muri, e lo so anca mi, dopo i mha dita che quando i ha vert i ha trovà a spiaja de Ponte, na roba mai vista, i mha cavà na mastèa de càlcoi, e p lernia, che là p no so cossa che success, insomma a m tornada fora, do ani fa, e deve portar el cinto, che non sarìa gnente, ma i me lha fat senza grazia, el me raspa tut, e adess no ho che quindesemìe franchi da spenda anca parch, che ghe vegne un càncaro, no ho a mutua, ho lavorà na vita, da quando che son bocia che mene a calzina, ma siccome jere artigian, datore di lavoro, no centre gnente datore de do cojoni, che a forza de dai, che fe linbianchin, ho na artrite che me magna vivo, e soldi pa e medesine so sol che mi quanti che ghe ne vol, na barca. E p e pomate, parch co a calzina me sha brusà a pèe, mha ciapà na forma de coso, no l un eczema, che ho e man rosse, e anca un fià i brazzi, el professor l ha dita che prima o dopo lo dobiamo guarire, ma però ghe vol el so tempo, le robe lente, p co ste pomate, questa no va ben provn co staltra che a pì zaea, mi no me nintende, me basta che no a me bruse, adess a sol che na spizza, che però l un mal, come fatu? Se tha spizza te te grata. E del resto, se te te varda un fià torno te va via a voja de lamentarte co tut quel che succede, co quel che se vede in giro zerte robe che cava el gusto al pan e allora contentmose, se ho debiti li pagarò, se no i spèta, tanto debiti o no debiti l istess, basta, chiuso, me son stufà de triboeàr. E no pa i debiti, quant che me diol a testa l un disturbo cui son senpre ndat sojèt, me se forma un cerchio che me se incaìva anca a vista. E allora ciape su e me fae dee gran caminàe, fin aa stazione e p fin ai frati Capucini, e distà, col fresco, son bon de rivar fin soto Romanziol. E no posse gnanca dir che sie pa e zigarete, ch fumar no fume pì dal novezentoquarantaun lunico vizio l do tre caramèe al rabarbaro al dì, che e ha chel amarògnoeo che me piase, e po e fa ben, e ogni tant me beve na cedrata, ma però che no la sie jazada. No, l come che sen fati mi se vede che ho a testa fata mal. Che sie par questo che no me son mai sposà? E no che no vosse, a una ghe son ndat drìo pì de un ano, ghe nde quasi in casa, ma me para che a fusse sempre sora i spini e ho capìo dopo, quando a sha fat suora. No ho podest dir gnente, ma ghe son restà mal, me jere affezionà. Po da pì vecio ho discorest un fià co naltra, ma ho savest che no a va saeute, e me son desgustà, e m ndat via a voja. Che p in fondo, chi lo sa, pol essar stat mejo cussì, vita pì regoeada, e senza fiòi, che ancùo i pensieri, no come quando se jera zovani noaltri. Basta, mi dess ho na casetta deà de a stazion vecia, co un fià de tera, mezza preseta che ghe cave lira de Dio. Col braz bon brusche e vide, smene i meoni, zape, bagne i pomidori, ciòe su e pesche, e del radicio fae sol che l primo tajo. Dee volte me strache, ma no minacorze gnanca, varde el sol, vede che passà e ore. E a sera quando che ghe son mi ghe sen tuti, mete el cadenazz, toe e jozze paa pression, a pastiglia, e vae in let. No va ben? Chi ha dita che ho da cambiar? Me basta pojarme a na carèga che mindormenze de colpo mejo dun tosatel. E lintestin marcia, trenta ani che caghe come un reòjo.