22 febbraio 2012

481/204 - sonetto 346/198 in dialetto

Alf-ano

In tuti i branchi de predoni ladri
esiste sempre el maschio alfa, col
che domina sul gruppo dei mezzadri
azzurri parch l ha l sangue p blu:

tuti se prostra e ghinfa su 
del prestigio, del corajo dei padri.
El pare l  quel che no ha tab
n remore a raggirar tonti e quadri.

Essendo in Forza Italia el posto 
occup da sempre, sol se combate
par quel de granbusodelcul, insano

ma tie pa restar ae cueate
del capo, darente e da sotoposto.
Oviamente se l ha ciap un alf-ano.