17 aprile 2009


424/171 - sonetto 301/166

Che veci!

Cuss vecio, da distante, e i cavi bianchi (li ho quasi neri), no te ve gnanca riconoss e po co chei baffi te par proprio un n E lo ve svej mi so a panchina, rest dei secondi in dubio parch co e cave grigie (e jera bionde) e i solchi intei oci el jera p vizin a quel che ricorde so pare che al Picchio de prima man che studia a memoria Roma e i Greci. Eh s: i amighi rivisti da un ano a chealtro i el monito e i speci p tremendi de quel che vn tel vano sce che ogni d deventen p vci.